In quest’anno parrocchiale dedicato alla misericordia e alla carità, ci viene offerta la possibilità di meditare sulla misericordia che Dio ha nei nostri confronti e sulla carità che Gesù ci ha insegnato ad esprimere verso i nostri fratelli e sorelle, in particolare quelli più bisognosi.

 Nel Documento di indizione del Giubileo straordinario della Misericordia (2015/2016), Papa Francesco invita la Chiesa a riscoprire il volto misericordioso di Dio, osservando come la misericordia sia “la via che unisce Dio e l’uomo, perché apre il cuore alla speranza di essere amati per sempre nonostante il nostro limite del peccato”. Papa Francesco ci esorta a riflettere sulle opere di misericordia corporale e spirituale, per risvegliare in noi la coscienza davanti al dramma della povertà e per entrare sempre più nel cuore del Vangelo, dove i poveri sono i privilegiati della misericordia divina. Gesù ci presenta queste opere di misericordia perché possiamo capire se viviamo o no come suoi discepoli.

 Nelle prossime pagine riportiamo alcune “piste di riflessione” per meditare su due distinte opere di misericordia (una corporale e l’altra spirituale).

MESE DI GENNAIO 2023

Ci troviamo ancora nel clima festoso del Santo Natale. Papa Francesco ci ricorda che «il Natale è la festa della Misericordia di Dio... La misericordia non è un sentimento passeggero, ma è la sintesi della Buona Notizia, è la scelta di chi vuole avere i sentimenti del Cuore di Gesù, di chi vuole seguire seriamente il Signore che ci chiede: Siate misericordiosi come il Padre vostro (Lc 6,36; cfr. Mt 5,48)... Dunque, sia la misericordia a guidare i nostri passi, a ispirare le nostre riforme, a illuminare le nostre decisioni. Sia essa la colonna portante del nostro operare. Sia essa ad insegnarci quando dobbiamo andare avanti e quando dobbiamo compiere un passo indietro. Sia essa a farci leggere la piccolezza delle nostre azioni nel grande progetto di salvezza di Dio e nella maestosità e misteriosità della sua opera» (dal Discorso del 21 dicembre 2015)Lo scorso mese di dicembre abbiamo riflettuto sulle opere di misericordia corporale e spirituale: "dar da bere agli assetati" e "insegnare a chi non sa". Continuando il nostro cammino parrocchiale e personale in questo mese di gennaio 2023 mediteremo "vestire gli ignudi e correggere chi sbaglia".

terzo 1terzo 2

MESE DI DICEMBRE 2022

seconda 1seconda 2

 MESE DI NOVEMBRE 2022
primo 1b

primo 2

 PREGHIERA PER L’ANNO PASTORALE DELLA MISERICORDIA E DELLA CARITÀ

Signore Gesù Cristo,

tu ci hai insegnato a essere misericordiosi come il Padre celeste, e ci hai detto che chi vede te vede Lui: mostraci il tuo volto e saremo salvi.
Il tuo sguardo pieno di amore liberò Zaccheo e Matteo dalla schiavitù del denaro; l’adultera e la Maddalena dal porre la felicità solo in una creatura; fece piangere Pietro dopo il tradimento, e assicurò il Paradiso al ladrone pentito.
Tu sei il volto visibile del Padre invisibile, del Dio che manifesta la sua onnipotenza soprattutto con il perdono e la misericordia: fa’ che la Chiesa sia nel mondo il volto visibile di Te, che sei Amore e Misericordia.
Manda il tuo Spirito e consacraci tutti con la sua unzione perché questo anno pastorale parrocchiale della “Misericordia e della Carità” sia un anno di grazia e porti frutti abbondanti di carità e perdono.
Lo chiediamo per intercessione di Maria Madre della Misericordia a Te che vivi e regni con il Padre e lo Spirito Santo per tutti i secoli dei secoli. Amen.